14 GIUGNO 2014 ITALIA INGHILTERRA 2 – 1

Immagine

Dentro mi rimane qualcosa
Cerchi di trovare una risposta.Il perché non c’è.
Questa notte sollevata al pensiero di essere in centrale e non di uscita.Ma solo per questa notte.
Leggo i pensieri di gente che conosce la guerra:” perché non aiutate gli italiani voi Strada?preferite aiutare altra gente e non la vostra gente…e Cecilia Strada risponde con parole non sue:”se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che nel vostro senso io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati ed oppressori dall’altro.Gli uni sono la mia Patria,gli altri gli stranieri”(don Lorenzo Milani dall’obbedienza non è più una virtù).
Poi un’altra notte guardo con chi amo, seduta su uno scomodo costosissimo divano, una storia vera di uomini che muoiono in divisa insieme a uomini col turbante e non riesco a parteggiare per nessuno di loro.Qui non ci sono i buoni o i cattivi.Guardo il coltello per tagliare il pane.Devo congelarlo perché sono sola a casa e diventa duro.La lama è affilata.Come sarebbe la gente del bel paese se ci fosse la pena di morte?
Forse non mi sarei rifiutata di entrare in quella casa attaccandomi ad un briciolo di speranza che qualcosa si potesse ancora fare.Forse spero solo che chi è stato obbligato a guardare dimentichi in fretta.Spero perda la memoria di quei momenti.Potevi lasciarli in vita…potevi lasciarli a me o a chi come me vorrebbe un figlio per spiegargli due cose:
#1:al mondo esiste il male
#2:devi saperlo riconoscere

Annunci

One comment

  1. Sono tre giorni che il pensiero è lì, ogni tanto riaffiora.
    Sai già che tra un po’ di tempo sedimenterà sul fondo e resterà lì. Le cose brutte che vediamo fanno così.
    Sono tre sere che vado a guardare le mie figlie dormire. La grande è arrotolata nelle lenzuola, come sua madre. Spunta solo il naso. È diventata bellissima, come sua madre. La piccola dorme scoperta, respira forte ed ha i piedi appoggiati alle spondine del letto.
    Se non fosse per questa bellezza la rabbia che sento forse avrebbe il sopravvento, perchè non capisco, non capisco proprio.
    Ma la pena di morte no.
    È troppo poco.
    Sia condannato alla vita.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...