Le monde est à Nous

“Ah tu di dove sei?…Ah…Pavia?…allora sei una stronza!”

Partirei dal luogo che mi ha dato i natali….triste città della Brianza…almeno una volta comune di Milano…oggi ancora più borghese e provincialotta direbbero gli stessi milanesi. Ma è davvero cambiata perché la sigla è MB  e non più MI? Mi fa pensare a Molto Bene o almeno QB… quanto basta. Oltre me tutto nasceva solo perché mio padre ci viveva in quell’ospedale da 25anni e non lo biasimo se ha voluto farmi nascere nel suo posto di lavoro….dopotutto mi cuciva lui personalmente ogni volta che tornavo a casa con qualche FLC sul viso (ferita lacero contusa per i non addetti ai lavori). Ma conta davvero dove nasci? No… se in quel posto ci rimani, no… se ti obbligano a restarci, no se fuggi solo perché non ti piaci…e non perché non ti piace.

Ecco…mio padre…partenopeo…ok …non ci è nato….ma è l’unica cosa che gli manca…perché se non nasci lì ma ci vivi e ci cresci puoi arrogarti il diritto di capire la filosofia e la storia… puoi arrogarti il diritto di dire che i napoletani sono un popolo di furbi perchè sei uno di loro.

E che dire di mia madre?…le colline di Vignola le hanno regalato le curve più dolci e il colore delle ciliegie. Il profumo dei tortellini sa di mia nonna…era la donna emiliana con le mani più grandi del mondo e aveva sposato un uomo nato a San Paolo…del Brasile però.

E la mia migliore amica viveva sul lago…quello pieno di isole…il lago d’Orta…e ora dorme al confine tra il Piemonte e la Lombardia solo se è in giro per Milano, perché da Londra, Parigi o New York le viene un pò scomodo tornare a casa in tempo per la cena.

Il mio compagno?…ok…lui è solo la conferma che tutto  è possibile. Nato e cresciuto a Parigi continua a ripetere che a Ponte di Legno non faceva freddo perché andare a scuola con meno 16 era la cosa più normale del mondo.

I miei amici di sempre? Chi l’avrebbe mai detto che ad Asti anche senza vino ci si potesse divertire così?

Mio figlio è nato a Pavia, nel mio posto di lavoro e non biasimo neanche me stessa…perché ciò che conta è quello che hai nella testa. Non fermarsi mai dove nasci… tornarci sì…rimanerci…andare lontano e ritornare e partire di nuovo.

Ma soprattutto perché devo essere stronza solo perché sono di Pavia. Conosco un sacco di pavesi  stronzi e tanti che non lo sono affatto. Tutto questo campanilismo mi ha rotto i coglioni (scusate il francesismo direbbe il mio parigino).

Lavoriamo tutti in scienza e coscienza per il solito unico scopo.

E mentre scrivo ecco che arriva un messaggio da una nuova amica…mi scrive da 6471km di distanza…era bella l’Havana con lei e sono felice che ora sia così lontana perchè so che poi tornerà a casa e rideremo insieme.

Sì è vero: sono stronza, ma non sono di Pavia.

Non sono di nessun posto.

Annunci

One comment

  1. lucida razionale intelligente oddio adesso ci vuole la virgoletta ed allora io non metto la punteggiatura dicevo l’uomo è uomo se riesce a spalmare bene su una larga fetta di mondo la sua intelligenza

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...