Mr. Dreamer

A822739D-BC4C-4AAA-8114-0A331EDC8AAC

Sedetevi scomodi …perchè questa storia è molto breve.

AL TELEFONO:

-Pronto!

-Ehi ma sei sempre in giro! in che Stato sei?

-Euforico!

-What?

-Sì lo so non ti ho detto molto, solo che prendevo un  “volo solo andata” , mi ero promessa di raccontartelo al mio ritorno…

-Uhm…

-Sai cosa mi è successo? Mi sono innamorata prima di innamorarmi.

-Ci si può innamorare prima di innamorarsi? 

-Sì, se si è drogati senza droga! Tutto è iniziato per caso, con una musica che parlava d’amore e poi è nata la musica che non conoscevo e un giorno sono passata davanti ad una pentola magica e mi sono accorta che vibravo come le sue corde ogni qualvolta mi sfiorava…

-What? 

-Ma sì nel senso che le ore passate a ridere e a parlare hanno tirato fuori cose che conservavo in fondo al cuore in silenzio e con lo stesso silenzio assordante mi hanno accarezzato per giorni e ore.

-Ma che fate tutto il giorno?

-Nulla di che…pedaliamo sull’acqua, camminiamo sul soffitto, cantiamo a squarciagola, curiamo il mal di testa con la musica…

-Ok …mangi?

-No. Non ho mai fame …mi nutro d’amore e poesia. 

-Ma davvero non mangi mai?…sarai dimagrita!

-Un pochino…beh ceniamo insieme…colazione …cenacola…Pensa che una sera è arrivato a casa invece che con una bottiglia di vino con un quadro? 

-Usti!

-Sai cosa gli ho detto? “ e adesso cosa ci beviamo?” 

-Ma ormai è passato un anno…cosa è successo?

-Dopo qualche mese ho capito che ero la donna più fortunata al mondo perché ho scoperto di avere un pezzo di me su di lui. 

-…

-Una notte,sdraiati su un letto di chiodi, abbiamo fatto una lista di cose da fare, di posti da vedere, di film da guardare e ci siamo stupiti di quanto poco tempo avessimo per fare tutto …è così abbiamo deciso di non dimenticare il dolore, ma di smettere di sentirlo. Volevamo non dimenticare l’amore e non smettere di sentirlo. E così siamo partiti

-E dove siete andati?

-Abbiamo visto un cavallo dalla chioma bianca che trainava un carretto con dentro una chitarra e lo abbiamo inseguito.

-E come state adesso?

-Assenti nell’assenzio e presenti nel presente. E questo ci basta.

-Pensi di tornare?

-No…credo che mi scioglierò nel vento anch’io. Comunque funk you very much di avermi telefonato ..adesso devo andare…

-Perché? Che ore sono da voi?

-È maggio! Prima che mi chiamassi stava disegnando  un’onda. Voglio vedere dove ci porta.

-Ok …mi manchi …anche se sono passati solo pochi giorni

-Anche tu. A presto amico mio.

Annunci

MANOUCHE

images

Rimasugli del Sud: “Sulità Santità”
Forse è vero, ma solo in alcuni periodi dell’anno.
Anche se…anche se, pensandoci bene, ormai l’anno è passato e se non fosse per quell’istante che varchi la soglia di casa e accendi la luce perché spenta, direi che in fondo non è vero…è verissimo.
Buon viaggio a te e a me.
Compro piante. Ascolto jazz.
Si porta la finta timida mi raccomando Stefà!

Moulin Rouge

AD26AC9C-FE9F-4AED-807F-166D7AC9DD88.jpeg

 

The greatest thing you’ll ever learn is just to love and be loved in return. 

Cosa ti sei perso fino ad oggi?

Un concerto di De Andrè

Uno di Ludovico

I colori del Giappone

I profumi del Marocco

Un concerto degli Afterhours 

Tre concerti di Tommaso

Un viaggio a Liverpool

Millemila km su un California 

Amici nuovi

Amici vecchi

I miei capelli che adesso puoi accarezzare senza che mi arrabbi

Un esame del Trinity College

Una silhouette da fare invidia

Jacu che fa i primi passi 

L’amore di una famiglia 

Cinquant’anni di matrimonio. 

L’acqua dell’isola d’Elba.

L’amore di Tommaso

Cosa ho perso io?

L’illusione.

The greatest thing you’ll ever learn is just to love and be loved in return. 

Però in fondo non mi andata così male…sono già a metà frase 🙂

Ho amato.

Tanti auguri a me

42D69031-EE6F-4267-8347-5626EA77DDC5Che bella giornata il mio compleanno!

Il mio migliore amico si prende un giorno di ferie per esaudire ogni mio desiderio

Il mio migliore amico compra quattro bottiglie di prosecco neanche fossimo in otto.

La mia migliore amica canta in un messaggio vocale di prima mattina.

I ragazzi dell’automedica fanno colazione con me fino a tardi e dicono “sei una ragazzina!”

Il piccolo Vinicio Dantes si dimentica…ma so che mi ama più di chiunque altro e chiacchiera con me.

Mio padre si sbarazza di amici sui social.

Mia madre appende poesie d’amore sui rami di un albero.

Jacu mi guarda attraverso uno schermo e sorride come solo lui sa fare.

Massimo Meridio dall’Islanda coi suoi auguri belli e rincoglioniti perché è sempre giorno.

ma…

ma…

il regalo che volevo non è arrivato!

sono io che non l’ho voluto alla fine.

L’unico regalo desiderato: spedire un messaggio che racconta la verità al vicinato.

(mi sento la versione migliore di me stessa a non averlo inviato)

il regalo che non volevo è arrivato!

L’unico regalo indesiderato:delle chiavi nella cassetta delle lettere allo scadere di un ultimatum con gli auguri più falsi

48 bellissimi anni…soprattutto gli ultimi 8

Basta parole

solo lacrime

in macchina

mentre guido

da sola

e mi fermo perché non vedo più niente

Il mio cuore è troppo grande…dev’essere per questo che fa tanto rumore quando si rompe.

Tanti auguri a me.

 

AHOO, CHE…HAI FATTOOO?

 

 

Ialla ialla!

Sicuramente non si scrive così..ma il suono era proprio quello

il suono di Abdul diceva che era ora di andare.

Decido di partire di nuovo, questa volta da sola..tanto sola non sono mai.

Siete sempre con me.

Qualche volta ti trovo disegnato su un muro, qualche volta ti trovo nel silenzio del deserto dove sono l’unica che non vedrà una stella cadente, qualche volta nel baccano di una piazza.

Baccano non lo dicevo dall’82.

Sì non sono mai sola, siete il mio pensiero quando apro gli occhi e l’ultimo quando li chiudo. Sarete sempre il mio pensiero anche quando li chiuderò per non aprirli più.

D’altronde l’hai detto anche tu…”Stefi non si può smettere di amare da un momento ad un altro”. La verità è che non si può smettere di amare. Punto.

E poi arrivano le sorprese: solo la notte del deserto valeva il biglietto…bugia…solo avervi conosciuto valeva il biglietto

perché addormentarmi con il tuo bofonchiare terrone era un dolce dormire

perché quel cazzo di zaino te l’avrei lanciato fuori dal finestrino

perché donna Lucia o la ami o la odi e io l’amavo ancora prima di partire

perché non tutti si possono permettere d’iniziare ogni frase con AHOO

perché cambiare i vostri nomi ci faceva ridere ogni volta

perché Irene ride come me

perché Monica si commuove con la voce di un bambino

perché Sara si arrabbia se la chiami Chiara

perché Flora è bellissima e Fauno lo sa bene

perché passeremo dal caldo del deserto al freddo dell’aurora

perché risentire la tua voce mi rallegra il cuore

perché immaginarti nel tuo castello senza regina mi fa sorridere

Lucia, Massimo, Irene, Sara, Monica, Flora e Fauno

 

“Guarda tommaso …questa è la sabbia del deserto”

Il tuo piccolo dito immerso nel borotalco rosso e i tuoi occhi si gonfiano di lacrime.

“Perché piangi mi vida?”

“Sono felice. Sono felice che tu abbia fatto un viaggio così bello.”

 

Questo è amare: essere felici della felicità altrui.

Sono felice di saperti innamorato. Lo sono anch’io.

Della mi vida grande. Di quella piccola. Della mia vita e basta.

Perché più bella di così non poteva essere.

 

Continueremo a partire e a tornare, io e i miei stupidi dreads.

 

Il culo in una mano o una mano nel culo?

IMG_E2771

Eccomi qui.

Scusate l’assenza…eccomi di ritorno…dovevo andarmene a fanculo e ho deciso di farlo in Giappone.

Insomma se proprio dovevo farlo, meglio farlo in un bel posto.

E poi era il nostro viaggio (come mille altri dici tu) tanto valeva farlo da sola.

Mi hai chiesto di raccontartelo? Beh non c’è molto da dire se non che noi siamo il terzo mondo. Adesso capisco perché quando vengono da noi fotografano tutto…anche le cicche per terra…perché loro cicche per terra non ne hanno.

Continuate a rubare, continuate a mancare di rispetto al prossimo, continuate a tenere attive le suonerie dei vostri telefoni, continuate a non rispettare le code, continuate a imbrogliare il prossimo, continuate a rubare l’amore, continuate a non dire la verità.

Si è aggiunto un nuovo lettore occasionale. Avrei tanta voglia di scrivere un messaggio con tutto quello che non deve sapere…ma “lei questo messaggio non dovrà leggerlo mai”. Lei ha scelto di dormire a 100 metri da me e per sua fortuna non hai mai beccato la sua macchina sotto casa mia. Pensaci ogni volta che esci di casa!

Nel frattempo starti lontano mi ha fatto bene…e ho già voglia di ripartire.

Starti lontano mi ha fatto venire il “culo in un mano”…meglio certo di una “mano nel culo”.

Dopo tutto è sempre una questione di scelte.

E chissà..magari dopo questo post verrai a liberarmi il garage e il cuore…in fondo credo ti faccia schifo approfittare ancora di me.

Poi mi ricordo di aver sfiorato il cielo di Aleppo tornando a casa e tutto fa ancora più schifo.

La vita è nata gemella

L’altra mattina un dottore giallo e blu mi dice:

-Non scrivi più?

-…ehm…sì…in realtà da tempo ormai scrivo solo cose tristi…scusami…ma sono onorata di sapere che mi leggi.

In realtà è da un po’ che vorrei scrivere quello che leggerete qui sotto.

(Ah.. per inciso…questo dottore ha un animo gentile e tutti lo conosciamo per il suo nome scritto sopra un divano di un ospedale di periferia)

Ho meno tempo da vivere rispetto a quanto ho vissuto finora.

Quando metto in una ciotolina i coccodrilli gommosi per Tommaso i primi li mangia felice e in fretta, ma quando si accorge che gliene rimangono pochi, comincia a gustarli profondamente.

Ecco quello che mi manca è il tempo.
Non ho tempo per sopportare persone assurde.
Non ho tempo per le stronzate.
Non ho tempo per le bugie.
Non ho tempo per l’egoismo.
Non ho tempo per l’ignoranza.
Non ho tempo per gli opportunisti.

La mia anima ha fretta e  con così pochi coccodrilli gommosi voglio vivere con le persone buone d’animo accanto.

Qualcuno che sappia amare
Qualcuno che sappia comprendere i propri errori e si burli di loro non ripetendoli più
Qualcuno che sia sincero ed onesto anche quando fa male, ma lo faccia con garbo
Qualcuno che dia dignità all’essere uomo
Qualcuno che sappia arrivare al cuore delle altre persone
Qualcuno che ferito dalla vita riesca a crescere lasciandosi accarezzare l’anima.

Non voglio sprecare neanche un solo coccodrillo.

Saranno più squisiti di quelli mangiati finora.

Perché l’unica cosa che voglio è andarmene soddisfatta. In pace con i miei cari e con me stessa.